L'Orecchio

L’ orecchio è un organo molto complesso, la sua funzione è captare i suoni, tradurli in impulsi elettrici e trasmetterli per mezzo di fibre nervose al cervello, dove vengono letti e interpretati.

L’orecchio è costituito da tre parti:
Orecchio esterno
Comprende il padiglione auricolare, quello comunemente chiamato orecchio e che ci aiuta a stabilire da dove proviene un suono, quindi il canale uditivo e infine la sottile membrana, questa li traduce in vibrazioni che vengono trasmesse all’ orecchio medio.
Orecchio Medio
E’ uno spazio di appena un centimetro quadrato pieno di aria che contiene i tre ossicini più piccoli del corpo umano: martello, incudine e staffa. I loro movimenti, provocati dalla vibrazione del timpano, trasmettono i suoni ricevuti dall’ orecchio esterno all’ orecchio interno.
Orecchio interno
In una piccola struttura detta coclea o chiocciola hanno sede quaranta mila cellule cigliate(ventimila per orecchio) capaci di diversi compiti: alcune lavorano con i suoni forti, con i deboli. Le cellule cigliate sono responsabili di una nuova traduzione dei suoni, da vibrazioni ad impulsi elettrici, che tramite le sottili fibre del nervo acustico arrivano al cervello, dove determinano la sensazione nervosa

Gli Acufeni

Gli acufeni sono quei rumori che in vari modi (fischi, ronzii, fruscii, soffi, pulsazioni ecc.) vengono percepiti in un orecchio, in entrambe o, in generale, nella testa, anche in assenza di stimoli uditivi esterni, che possono risultare fastidiosi a tal punto da influire negativamente sulla qualità della vita di chi ne soffre. Si originano all'interno dell'apparato uditivo ma, alla loro prima comparsa, vengono illusoriamente percepiti come suoni provenienti dall'ambiente esterno.

La perdita uditiva conduttiva
E' causata da problemi a carico dell'orecchio esterno e medio, che ostacolano la trasmissione dei suoni all'orecchio interno. Le cause più comuni sono l'accumulo di cerume nel condotto uditivo, la perforazione o l'irrigidimento del timpano, la presenza di liquidi nell'orecchio medio, danni e difetti degli ossicini (la catena ossiculare dell'orecchio medio). Spesso l'acufene è associato ad una perdita uditiva ed i rimedi intrapresi per neutralizzarne gli effetti della perdita uditiva di solito sono efficaci anche nel combattere l'acufene. Quindi un efficace modo per contrastare l'acufene è quello di trattare la perdita uditiva ad esso, sovente, associata.

Perdita uditiva

In generale, ci sono due tipi di perdite uditive: conduttiva e neurosensoriale: La perdita uditiva conduttiva E' causata da problemi a carico dell'orecchio esterno e medio, che ostacolano la trasmissione dei suoni all'orecchio interno. Le cause più comuni sono l'accumulo di cerume nel condotto uditivo, la perforazione o l'irrigidimento del timpano, la presenza di liquidi nell'orecchio medio, danni e difetti degli ossicini (la catena ossiculare dell'orecchio medio).

La perdita uditiva neurosensoriale Insorge quando si danneggiano le delicate cellule sensoriali della coclea, o le fibre nervose del nervo acustico. Il danno neurosensoriale impedisce la corretta trasmissione del suono al cervello. Le informazioni uditive arrivano al cervello deteriorate od incomplete e la comprensione delle parole diviene difficoltosa e faticosa.

La nostra gamma di apparecchi acustici

i differenti tipi di apparecchi acustici digitali retroauricoli e intrauricolari